Chi siamo

L’Associazione Culturale Piccabulla, è coordinata da un gruppo direttivo di cui fanno parte, oltre alla fondatrice e presidente dell’associazione stessa, Sabrina Lilli, diverse risorse impegnate nell’organizzazione generale, logistica e tecnico-amministrativa e nelle attività di supervisione e formazione formatori. Il metodo Peekaboo, infatti, è bilingue ma lo staff didattico oltre ad avvalersi di insegnanti madre-lingua, proprio con il supporto di queste ultime, presidia con regolarità, attraverso esercitazioni, sessioni formative ad hoc, il livello di qualità dell’espressione linguistica del corpo insegnante ed il continuo perfezionamento del metodo. Peekaboo prevede, oltre ad aspetti pedagogici specifici ed unici nel panorama dell’insegnamento delle lingue, un ingresso della lingua inglese progressivo fino alla full-immersion degli ultimi due trimestri dei corsi con un ricorso alla lingua nativa solo come ”salvagente” e in tutti quei casi in cui è fondamentale, proprio dal punto di vista didattico, approfondirne i nodi grammaticali più problematici nel passaggio dall’italiano all’inglese o per chiarirsi sui cosiddetti ”falsi amici” e sugli automatismi inevitabili per chi apprende l’inglese come seconda lingua.

Sabrina Lilli – Alias: Piccabulla
(Presidente Ass.ne Piccabulla e responsabile corsi d’inglese e teatro – Progettazione e organizzazione del personale)

Nasce a Roma, si diploma al Liceo Classico “Virgilio” e si laurea all’Università “La Sapienza” di Roma con una tesi sperimentale (in lingua italiana, inglese e francese) in Discipline teatrali e dello spettacolo. Durante gli studi universitari vince 3 borse di studio una delle quali le permetterà di portare avanti delle ricerche anche all’Università parigina “Sorbonne3“. Nel periodo universitario consegue anche il diploma riconosciuto dalla Regione Lazio di Attrice ed insegnante di teatro presso la Scuola Internazionale Il Circo a vapore. Successivamente decide di partire per gli USA a Los Angeles dove vivrà per quasi un anno per specializzarsi in questo settore e per seguire diversi studi nell’ambito teatrale e linguistico. Tra le diverse specializzazioni e diplomi consegue anche il diploma di lingua inglese Trinity (liv.9) e nell’ambito delle certificazioni Cambridge English (Ket, PET e First) ed inizia ad insegnare a livello privato e ad ideare metodi originali d’insegnamento della lingua in particolare il metodo PEEKABOO che lungo un percorso finalizzato ad un obiettivo formativo standardizzato (es. certificazione Cambridge ”First” o ”Starters”) prevede un mix di didattica partecipativa (cooperative learning), gioco-teatro e coreografie finalizzate all’apprendimento/memorizzazione di una lingua straniera.

Esperienze professionali
Dopo la laurea si sperimenta come regista ed autrice teatrale, realizzando anche spettacoli con il sostegno delle Biblioteche di Roma e finanziati dal Comune di Roma. Nell’ambito cinematografico, inoltre, collabora oltre che con Cinecittà Holding e Studio Universal che le compra uno dei suoi cortometraggi (“Se”) come segretaria di edizione anche con altre produzioni nel ruolo di aiuto-regista. (vd. brevissima rassegna cortometraggi)
Nel frattempo prosegue l’attività di attrice e regista con produzioni teatrali in vari teatri della capitale (Teatro Colosseo, Teatro dell’Orologio, Dei Satiri ed altri). Nel 2007 decide di canalizzare le sue esperienze in questi ambiti artistici in ambito formativo-pedagogico rivolto prevalentemente a bambini ed adolescenti diventando socia dell’Associazione Culturale La Strega Pasticciona, con la quale mette in scena spettacoli anche all’estero e diverse produzioni per comuni ed enti pubblici e privati. Collabora, inoltre, anche con altre associazioni tra le quali Le 3 civette sul comò  e il Mago di OZ con cui inizia ad insegnare teatro e teatro in inglese presso scuole pubbliche e paritarie. Nell’arco di questo decennio partecipa inoltre a diversi progetti europei (es. Grundtvig II) che la portano a viaggiare in ambito europeo (Parigi, Istambul, Madrid) ed a parlare in inglese in contesti multi-linguistici oltre che a confrontarsi con colleghi operanti sempre in ambito formativo ma in contesti culturali e con metodologie diverse.

Verso l’Associazione Culturale Piccabulla

Nel 2012, fonda l’Associazione Piccabulla che verrà registrata poi l’anno successivo all’Agenzia delle entrate per poter inserire accanto alle attività istituzionali per i soci anche le attività commerciali. Viene così incrementata l’attività di studio e sperimentazione creando un nuovo metodo d’insegnamento registrato poi come “Peekaboo” (dal celebre bubusettete anglosassone ma anche in riferimento appunto a Piccabulla) in collaborazione con insegnanti e pedagoghi madrelingua. L’originalità di questo metodo è che può essere applicato anche ad altre lingue: teatro, movimento, coreografie e libero spazio alla creatività fanno di questo metodo, peraltro sempre in evoluzione e perfezionamento, un valido percorso parallelo a quelli tradizionali, completandoli ed arricchendoli di tutti quegli elementi che in grandi numeri – i corsi Peekaboo infatti non superano mai gli 8 allievi – spesso trascurano. Dal 2012 l’Associazione Piccabulla svolge corsi d’inglese per bambini, ragazzi e adulti in setting d’aula prevalentemente compresi tra gli 8-10 allievi ma anche lezioni individuali per progetti formativi specifici quali PUBLIC SPEAKING (tramite incontri individuali e percorsi basati sul coaching) o di business English. Da poche decine di allievi attualmente l’associazione svolge corsi per circa 60 allievi e può contare sulla collaborazione di 3 insegnanti tra cui una madrelingua, sulla supervisione di una madrelingua per la formazione interna e su una risorsa aggiuntiva per la progettazione formativa, l’organizzazione generale, le attività sportive e i progetti ad hoc.

I MEMBRI DELLO STAFF

Natalie Nicora – Alias: Teacher Nut
(Insegnante lingua inglese – Supervisione controllo di qualità e formazione interna – Consulente presso la FAO)
Nasce  a Roma, da madre britannica e padre italiano, si diploma al Liceo  Classico “Virgilio” e si laurea all’Università “La Sapienza” di Roma con  una tesi sperimentale in Antropologia. Per ampliare le sue conoscenze, ottenuta una borsa di studio Erasmus, si trasferisce sei mesi a Bruxelles dove perfeziona il francese e inizia a viaggiare per il nord-Europa.
Dopo l’Università decide di voler approfondire le proprie origini anglosassoni e segue un Master annuale presso la School of Oriental and African Studies  di Londra. La città la emoziona e così decide di rimanere nella  ‘Perfida Albione’. Qui trova un lavoro per una ONG che si occupa di  rifugiati politici e rimane cinque anni in quella che considera una  delle città più favolose del mondo.
La  mancanza di una vera estate e la pioggia incessante la convincono a tornare a Roma. Ha la fortuna di riuscire a mantenere il lavoro e il contatto londinese pur vivendo a Roma ma al contempo cerca un’ulteriore  collaborazione professionale nella città eterna.
Si avvicina poi ad una dimensione più “artistica” o creativa  del lavoro e per una stagione estiva lavora per Cinema da Mare,  un festival cinematografico che per sei settimane gira il sud d’Italia  con settanta ospiti stranieri, scoprendo le bellezze del paese, girando  cortometraggi e organizzando proiezioni serali in piazza.
Dal  2007 al 2015 lavora come giornalista traduttrice-interprete per il Ministero  dell’agricoltura, viaggia per conto del Ministero, traduce documenti e  nei meeting internazionali, viene spesso impegnata come traduttrice. Desiderosa di conoscere la teoria della traduzione, nel 2014, si reca regolarmente a Bristol dove consegue un Master in Traduzione presso la University of West England; dal 2016 prosegue stabilmente in un contesto lavorativo internazionale, come giornalista, traduttrice ed in altri ruoli della comunicazione presso la F.A.O. (Food and Agriculture Organization of the United Nations).

Stefano Bertoldi

Stefano Bertoldi – Alias: Steponchio (o capitan Steponchio) (vice-presidente Ass.ne Piccabulla – Organizzazione generale e logistico-amministrativa – attività sportive)

Nasce a Firenze ma ha trascorso l’infanzia a  Parigi, dai 5 ai 13 anni. Vive ormai a Roma dal ’78 dopo un’intermezzo  di 8 anni a Trevignano Romano (lago di Bracciano) e di 3 anni a  Cerenova, sul litorale nord di Roma. Per Piccabulla si occupa del sito web e del supporto generale all’organizzazione logistico-amministrativa curando inoltre la  sezione sportiva (vedi la sezione sport) come Tecnico Educatore U.I.S.P. sez. Vela. Sociologo del lavoro, dopo gli studi effettuati sotto la guida di Pino Ferraris e successivamente di Domenico De Masi  negli anni si è specializzato negli studi sulle organizzazioni  innovative e creative, sul lavoro atipico e a distanza (telelavoro), sui modelli  formativi innovativi che adottano tecniche di outdoor training. Ha  svolto numerose indagini sociali sul campo, affrontando diversi temi  quali il mondo giovanile, il turismo e le organizzazioni del lavoro,  collaborando con numerosi enti in Italia e all’estero, pubblici e  privati, tra cui CENSIS, Istituto IARDFormezANCI RicercheFondazione RosselliFondazione G.BrodoliniDe Lorenzo FormazioneUniversità di CamerinoUniversità “La Sapienza” di RomaS3 Studium, (presso cui ha conseguito il Master in Scienze Organizzative), Antares S.r.L. (già S3 Acta s.r.L.) con cui ha effettuato interventi di ricerca e/o progetti di formazione presso diversi enti pubblici e privati, tra cui Presidenza del Consiglio dei Ministri, ServiceLazio2000, Legacoop Lazio, CNR, Camera di Commercio di Roma, INAPP (già ISFOL) e alcuni comuni del Lazio per i progetti Agenda XXI (Mentana, Genzano, Fiumicino, ecc.). Nel 1998 consegue il Master in Formazione presso l’ISMO di Milano. Si è occupato per diversi anni anche di Sociologia dell’ambiente (Università di Camerino, ARP Lazio) e di progetti di sviluppo  del territorio (Università di Camerino, Comune di Narni).
All’Università di Camerino ha realizzato un progetto di teledidattica in videoconferenza  che nel lontano 1998 fu il primo esempio in Italia di didattica  interattiva a distanza in tempo reale a livello multiregionale  (Marche-Lazio-Umbria): un’esperienza che ha proseguito poi fino al 2007 e  che contribuì ad aprire la strada alla creazione del polo didattico in  videoconferenza di Ascoli Piceno della stessa università. Al momento resta la prima ed unica esperienza in Italia nel suo genere dal punto di vista  organizzativo e formativo.

In ambito formativo ha progettato o  partecipato come docente, a numerosi corsi di formazione, molti dei quali inseriti in progetti finanziati dall’UE (FSE, Leonardo,  GrundtvigII, Erasmus, ecc.); collabora dal 1996 con Antares S.r.L. (Società  per lo sviluppo dei sistemi organizzativi) e insegnato dal 1996 al  2006 nelle Università di Camerino e Ascoli Piceno (CUP- Consorzio  Universitario Piceno) prima come assistente alla cattedra di Sociologia Cultore della materia, poi per 5 anni accademici anche come professore a contratto di Sociologia del bene culturale. Negli ultimi anni, attraverso metodologie sperimentali quali l‘outdoor training,  in particolare in barca a vela ha unito le sue due professioni  principali, la ricerca e la formazione e la navigazione (prevalentemente a vela). Dal 2007 svolge attività  d’insegnamento presso le scuole secondarie superiori del Lazio.

La  vela oltre ad essere una passione, è dunque l’altra parte professionale  importante che si articola in attività di skipper, formatore outdoor e  istruttore vela U.I.S.P. (TED -Tecnico Educatore dell’Unione sport per tutti) nel quadro di corsi di iniziazione principalmente su derive e da qualche anno anche sul nostro piccolo cabinato, il Donfango. Dal 2010 collabora con l’Associazione Piccabulla occupandosi oltre che delle attività sportive-veliche dell’organizzazione e della logistica generale e collabora alla per la parte amministrativo-contabile.

Viviana Raciti – Alias: Vivipuk
(Supervisione attività di teatro in inglese – Insegnante)

Nasce  a Catania e passerà infanzia e adolescenza nel territorio etneo,  accompagnando agli studi classici la passione per il pianoforte e per il  teatro, vincendo nel 2005 il premio come miglior attrice “Tindari Teatro Giovani”.  Nel  2006 si trasferisce a Roma, per approfondire gli studi teatrali sia dal  punto di vista teorico (si laureerà nel 2010 in Arti e scienze dello  spettacolo, con una tesi su Pina Bausch) sia dal punto di vista pratico,  studiando con attori quali Isabella Del Bianco, Cristiano Censi  Giancarlo Fares, Francesca Rizzi presso la scuola “Teatro Azione”, e frequentando diversi stages condotti da Mamadou Dioume, Sabino Civilleri, Emanuela Lo Sicco, Andrea De Magistris.
Pur partecipando a due lavori in Sicilia ( “La calata di Orfeo”, corto cinematografico del 2008, e “ Malnate”  opera poetica del 2009) il suo orizzonte lavorativo sarà  prevalentemente nel territorio romano, sia con lavori più sperimentali (“La sconosciuta” 2007, “Parte Offesa” 2008, “Le Viole” 2009, “La dolcezza del Mandorlo” 2011, spettacolo da cui è tratto il monologo vincitore del primo festival del monologo di Rogliano “La Bella Coredipetra” 2012,  di cui cura anche la regia) che più convenzionali (“Così è – Se vi  pare” 2008 , “Liolà” 2009, “Improvvisamente l’estate scorsa” 2010).
Attualmente, dopo la laurea, sta conseguendo un Dottorato di ricerca presso l’università “La Sapienza” di Roma sempre nell’ambito delle discipline teatrali e dello spettacolo; parallelamente frequenta assiduamente la vita artistica e teatrale in particolare quella della Capitale scrivendo per la webzine www.teatroecritica.net e lavorando dal 2010 come animatrice teatrale e come insegnante d’inglese per l’Associazione Culturale “La Strega Pasticciona” ovvero l’attuale “Associazione Piccabulla”.

Ingrid Anna Golding – Alias teacher Ink
(Insegnante madrelingua di  inglese e di Teatro-danza – Supporto alle attività di supervisione linguistica interna)
Nasce a Londra e passa l’infanzia vicino la città di Cambridge. Terminati tutti i cicli di studi  scolastici, si specializza alla London School of Contemporary Dance sotto la direzione di Robert Cohan, allievo principale di Marta Graham. Quindi frequenta il corso di integrazione fra le Arti alla scuola superiore di Crewe and Alsager college of Higher Education dove ottiene il diploma in Integrated Arts, specializzandosi in danza e scultura.
Si traferisce a Roma dove lavora da 1984 a 2000 come insegnante d’inglese svolgendo sia lezioni individuali che per gruppi in aziende come RAI, Telecom Italia, ISTAT oltre che lezioni a ragazzi privatamente.  Nel 1987 al  campo estivo The Meadows  insegna Inglese attraverso la danza e la pittura. Dal 1988 al 1991, durante le pause estive, entra nell’universo magico delle favole lavorando per la compagnia di teatro La Giostra, diretta da Romano Rocchi, creando i propri personaggi e coreografie, esibendosi in rassegne culturali e feste medioevali in diversi borghi di Abbruzzo, Lazio, Marche, Toscana e Umbria. Dal 1996 si stabilisce a Bracciano dove coniuga la sua attività professionale di insegnante di Inglese e di danza all’approfondimento delle tecniche di coreografia frequentando vari stage a Roma con Claude Coldy, Jim May ( direttore del Limon CompanyLindsay Kemp e molti altri. In particolare, lavora dal 2012 al 2013 come insegnante-animatrice di inglese presso l’asilo nido l’Arcobaleno di Bracciano e dal 2014 al 2015 per il progetto STAP musical per ragazzi al Teatro Brancaccio dove contribuisce alle coreografie di Westside Story, recitato interamente in Inglese. Attualmente frequenta i workshop dei “5 ritmi”, una pratica di meditazione danzata ideata da Gabrielle Roth, basata sul principio che se si mette la psiche in movimento essa cura e guarisce se stessa.
È convinta che l’apprendimento dell’inglese attraverso il movimento del corpo aiuti gli studenti ad assorbire  la lingua a livelli di coscienza più profondi, quindi più efficaci e duraturi nel tempo.
Entrando a far parte dell’ “Associazione Piccabulla” trova l’occasione di sposare il suo amore per l’espressione attraverso il movimento e la danza con la sua esperienza nell’insegnamento dell’inglese.

Elisabetta Frasca, Alias teacher Betty – (insegnante lingua inglese e supervisor  formazione interna docenti Piccabulla)

Nasce a Roma ma la passione per le lingue la spinge ad iscriversi ad un istituto turistico dove studia inglese, francese e tedesco e poi a viaggiare all’estero e non solo per turismo.  Fin dagli anni delle superiori, infatti, trascorre vari periodi in Inghilterra in particolare a Londra per perfezionare la lingua e più recentemente negli U.S.A. dove ha svolto a più riprese attività di lavoro e ricerca scientifica e mantiene diverse relazioni amicali e professionali. Tornerà poi nel Regno Unito varie volte durante il periodo degli studi universitari prima come studentessa Erasmus e poi per accompagnare ragazzi nei soggiorni-studio nel sud dell’Inghilterra. All’università, dopo il primo anno di studi alla facoltà di  Lingue, sceglie di passare nel campo dell’Antropologia culturale. Alla fine degli anni novanta, in seguito alla vincita di una borsa di studio per lo svolgimento di una tesi di laurea negli Stati Uniti d’America, svolge una ricerca sul campo, avente per oggetto le forme d’arte dei nativi d’America. In Italia, nel corso degli anni, ha collaborato con varie associazioni culturali per l’insegnamento dell’inglese ad alunni delle scuole elementari e secondarie superiori; le sono state commissionate varie traduzioni dall’italiano all’inglese (pannelli museali, cataloghi, saggi, ecc.); prosegue contemporaneamente la collaborazione con gli artisti incontrati negli Stati Uniti lavorando con loro in occasione della Biennale di Venezia per quasi venti anni (dal 1998 al 2017). Da anni tiene seminari e corsi presso alcune università americane in Toscana sul connubio tra arte e antropologia. Nel 2003, torna negli Stati Uniti grazie ad un’altra borsa di studio in American Studies allo Smith College di Northampton, Massachussets. In seguito lavora ad una mostra allestita a Washington e New York. Una volta rientrata in Italia partecipa a diversi seminari e incontri dell’Unione Europea sull’integrazione e l’apprendimento di tecniche di educazione non formale e dal 2005 al 2009  lavora in alcune scuole come mediatrice culturale per progetti d’inclusione rivolti ai ragazzi delle scuole medie inferiori. Nel 2012, perfeziona i suoi studi in ambito antropologico all’Università di Perugia. Dal 2014 collabora all’organizzazione di campi estivi in montagna per ragazzi occupandosi anche in questo caso dell’insegnamento dell’inglese. Negli ultimi anni ha ripreso la sua antica passione per il teatro e per l’improvvisazione teatrale che nel 2013 riesce a coniugare con l’attività di insegnamento iniziando a collaborare con l’Associazione Piccabulla. All’inizio la collaborazione era prevalentemente circoscritta al settore delle feste animate e degli spettacoli per bimbi ma negli ultimi anni come insegnante d’inglese per adulti e bambini e trainer interna degli insegnanti Piccabulla. Come insegnante di III^ fascia nelle graduatorie di istituto delle scuole secondarie superiori statali ha svolto anche l’attività di supplente e dopo la specifica abilitazione attualmente è insegnante di sostegno.

© 2017 Piccabulla All rights reserved.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

INFORMATIVA SULLA PRIVACY Privacy policy del sito web dell’associazione culturale Piccabulla *********** In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito Web di Piccabulla, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 (nel seguito indicato come Codice sulla privacy) a coloro che interagiscono con il sito ed i servizi web di Piccabulla, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo https://www.piccabulla.it, corrispondente alla pagina iniziale del sito dell’associazione. L'informativa è resa solo per il sito web di Piccabulla e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link. L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le Autorità Europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento. Il "Titolare" del trattamento A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è la Associazione Culturale Piccabulla, nella persona del suo presidente Sabrina Pompa (ovvero Sabrina Lilli, cognome materno, adottato in tutte le pagine del sito) e legale rapp.nte p.t., dom.to presso la sua sede legale in Roma (RM) in v.dei Savorelli, 75 . Nelle varie sezioni del sito web, qualora vengano effettuati trattamenti di dati, sono sempre relativi al Responsabile del trattamento. Luogo di trattamento dei dati I trattamenti di dati connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede legale e sono curati solo dai soci incaricati del trattamento, "responsabile/i" designato/i del trattamento dal presidente ovvero Stefano Bertoldi (stefano@piccabulla.it) Nessun dato personale derivante dal servizio web viene diffuso. I dati personali forniti dagli utenti sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario. Tipi di dati trattati a) Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software utilizzate per il funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso della rete Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti navigatori. In questa categoria di dati rientrano gli "indirizzi IP" o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server web, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server web (buon fine, errore, ecc…) ed altri parametri relativi al sistema operativo ed all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento del sito web di Piccabulla. Si evidenzia che i predetti dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito web di Piccabulla o delle strutture (hardware) del responsabile o ad altri siti ad esso connessi o collegati: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più del tempo necessario e pe i soli scopi istituzionali dell’associazione. b) Dati forniti volontariamente dall'utente La richiesta di invio di posta elettronica agli indirizzi indicati nell'apposita sezione del sito web di Piccabulla, comporta la successiva acquisizione di alcuni dati personali del richiedente, compreso l'indirizzo e-mail del richiedente, necessario per rispondere alle richieste. Specifiche informative, anche sintetiche, verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per queste particolari richieste. c) Cookies Un cookie è un piccolo "file dati" che alcuni siti web, mentre vengono visitati, possono inviare all'indirizzo dell'utente che li sta navigando al fine di tracciare il suo percorso all'interno del sito e raccogliere dati in forma esclusivamente anonima per migliorare l'offerta e la fruibilità del sito stesso. Il sito web dell'Associazione Culturale Piccabulla RFC fa uso di Cookies cosiddetti "tecnici"; questi ultimi servono esclusivamente ad effettuare la navigazione o a fornire eventuali servizi richiesti dall'utente. Non sono utilizzati per scopi ulteriori. Inoltre sono utilizzati "cookies analytics", che il Garante Privacy ha assimilato a cookies tecnici per ottimizzazione del sito. In questo caso, potranno essere raccolte informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. Pertanto, per i cookies analytics valgono le stesse regole, in forma di informativa e consenso, previste per i cookies tecnici. Facoltatività del conferimento dei dati personali A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l'utente è libero di fornire i dati personali riportati negli appositi moduli elettronici di richiesta, nelle sezioni del sito web predisposte per particolari informazioni e/o servizi a richiesta. Si evidenzia peraltro che il loro mancato conferimento può comportare talvolta l'impossibilità di ottenere quanto richiesto. Modalità del trattamento e misure di sicurezza I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati e non, per il solo tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Diritti degli interessati I soggetti cui si riferiscono i dati personali, eventualmente raccolti nelle predette sezioni specifiche, hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione ai sensi dell'art. 7 del Codice sulla privacy (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti). L'interessato ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le eventuali richieste vanno rivolte a: Associazione culturale Piccabulla L’associazione culturale Piccabulla non utilizza consapevolmente il proprio sito web per richiedere e/o trattare dati a minori di 18 anni. Considerando che lo stato di perfezionamento dei meccanismi automatici di controllo non li rende attualmente esenti da errori e/o disfunzioni, si precisa che il presente documento, costituisce la "Privacy Policy" del sito web di Piccabulla e sarà soggetta ad aggiornamenti. INFORMATIVA ex art. 13 del Codice Privacy che deve essere fornita alla utenza - attraverso il sito internet - come stabilito dal Provvedimento dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL D. LGS. 196/2003 1) Finalità e Modalità del trattamento cui sono destinati i dati 2) Dati sensibili 3) Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili e/o incaricati 4) Diritti dell'interessato 5) Titolare e Responsabile 1) Finalità e modalità del trattamento cui sono destinati i dati L’associazione culturale Piccabulla (d’ora innanzi sinteticamente “Associazione”) informa che i dati personali in suo possesso, raccolti direttamente presso l'interessato, ovvero presso terzi, potranno essere trattati, anche da soggetti terzi (situati anche all'estero) per: a. L'adempimento agli obblighi previsti da leggi, da regolamenti e dalla normativa comunitaria, ovvero a disposizioni impartite da Autorità a ciò legittimate dalla legge e da Organi di vigilanza e controllo. Il conferimento dei dati personali necessari a tali finalità è obbligatorio ed il relativo trattamento non richiede il consenso degli interessati. b. Finalità strettamente connesse e strumentali alla gestione dei rapporti con gli associati, gli associandi e/o con la clientela (ad esempio acquisizione di informazioni preliminari alla conclusione di un contratto, esecuzione di operazioni sulla base degli obblighi derivanti dal contratto concluso con la clientela). Il conferimento dei dati personali necessari a tali finalità non è obbligatorio, ma il rifiuto di fornirli può comportare - in relazione al rapporto tra il dato ed il servizio richiesto – l'impossibilità della Associazione a prestare il servizio stesso. Il relativo trattamento non richiede il consenso dell'interessato. c. Finalità funzionali all'attività della Associazione, quali la rilevazione del grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi resi e sull'attività svolta dalla stessa eseguita mediante interviste personali on line o telefoniche, questionari, etc.; la promozione, la diffusione e/o la vendita di prodotti e servizi della Associazione o di soggetti terzi collegati con le attività istituzionali, effettuate attraverso lettere, telefono fisso e/o cellulare, materiale pubblicitario, sistemi automatizzati di comunicazione, posta elettronica, messaggi del tipo MMS (Multimedia Messaging Service) e SMS (Short Message Service), etc.; l'elaborazione di studi e ricerche di mercato, effettuate mediante interviste personali o telefoniche, questionari, etc., e lo svolgimento di attività di pubbliche relazioni. Il conferimento dei dati necessari a tali finalità non è obbligatorio ed il loro trattamento richiede il consenso dell'interessato. Il trattamento avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici con logiche strettamente correlate alle finalità suddette e, comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. 2) Dati sensibili La Associazione tratta dati sensibili dei propri associati e/o clienti solo per dare seguito a specifici servizi ed operazioni richiesti dagli stessi (ad esempio il pagamento di quote associative). In tali casi, la Associazione potrà dare corso a tali operazioni solo se avrà ottenuto il consenso scritto del soggetto interessato richiedente. 3) Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili e/o incaricati La Associazione – senza che sia necessario il consenso dell'interessato – può comunicare i dati personali in suo possesso a quei soggetti cui tale comunicazione debba essere effettuata in adempimento di un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria. La Associazione, inoltre, può comunicare, con il consenso dell'interessato, dati relativi ai propri associati e/o clienti a società, enti o consorzi esterni, anche esteri, che svolgano, anche per suo conto, attività e trattamenti analoghi a quelli istituzionali della medesima associazione; Possono venire a conoscenza dei dati in qualità di incaricati, relativamente ai dati necessari allo svolgimento delle mansioni assegnate, le persone fisiche appartenenti alle seguenti categorie: associati, collaboratori, lavoratori dipendenti della Associazione o presso di essa distaccati, lavoratori interinali, stagisti e consulenti. 4) Diritti dell'interessato Il Codice Privacy attribuisce all'interessato specifici diritti, tra i quali quello di conoscere quali sono i dati che lo riguardano in possesso della Associazione e come vengono utilizzati, di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione del Codice Privacy, nonché l'aggiornamento, la rettificazione o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati e di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento stesso. L'interessato, infine, può in qualsiasi momento opporsi ai trattamenti finalizzati all'invio di materiale commerciale e pubblicitario, alla vendita diretta o a ricerche di mercato. 5) Titolare e Responsabile Il "titolare" del trattamento è la Associazione Culturale Piccabulla, che ha Sede Legale in via dei Savorelli 75 - 00165 Roma e sede operativa in in via dei Savorelli 114 - 00165 Roma, mentre il Responsabile al quale l'interessato può rivolgersi per l'esercizio dei diritti di cui sopra è il Presidente presso la sede legale. La Associazione Piccabulla ricorda che l'Interessato conserva i diritti previsti dall'art. 7 del Codice Privacy.

Accetta e Chiudi