Docenti

Gli/le insegnanti dell’Associazione Piccabulla sono risorse formatesi, in maniera interdisciplinare, su due fronti, quello artistico-teatrale e quello metodologico-pedagogico applicato all’insegnamento dell’inglese e del teatro; in particolare, il background culturale attinge agli ambiti antropologico-umanistici e letterari. Il metodo Peekaboo coniuga sia aspetti teatrali e artistici finalizzati alla libera espressione del bimbo nelle sue fasi di apprendimento.

Il corpo docente è composto dagli insegnanti del proprio “nucleo storico” che elabora ed aggiorna di continuo il metodo Peekaboo.  Questo obiettivo viene perseguito attraverso percorsi di aggiornamento interni con docenti madre-lingua inglese e di docenti altamente qualificati che hanno seguito un corso interno di allineamento al metodo Peekaboo ed hanno svolto un percorso di affiancamento in accordo con l’ideatrice del metodo, Sabrina Lilli.

Ingrid Anna Golding – Alias teacher Ink
(Insegnante madrelingua di  inglese e di Teatro-danza – Supporto alle attività di supervisione linguistica interna)
Nasce a Londra e passa l’infanzia vicino la città di Cambridge. Terminati tutti i cicli di studi  scolastici, si specializza alla London School of Contemporary Dance sotto la direzione di Robert Cohan, allievo principale di Marta Graham. Quindi frequenta il corso di integrazione fra le Arti alla scuola superiore di Crewe and Alsager college of Higher Education dove ottiene il diploma in Integrated Arts, specializzandosi in danza e scultura.
Si traferisce a Roma dove lavora da 1984 a 2000 come insegnante d’inglese svolgendo sia lezioni individuali che per gruppi in aziende e enti come RAI, Telecom Italia, ISTAT oltre che lezioni a ragazzi privatamente.  Nel 1987 al  campo estivo The Meadows  insegna Inglese attraverso la danza e la pittura. Dal 1988 al 1991, durante le pause estive, entra nell’universo magico delle favole lavorando per la compagnia di teatro La Giostra, diretta da Romano Rocchi, creando i propri personaggi e coreografie, esibendosi in rassegne culturali e feste medioevali in diversi borghi di Abbruzzo, Lazio, Marche, Toscana e Umbria. Dal 1996 si stabilisce a Bracciano dove coniuga la sua attività professionale di insegnante di Inglese e di danza all’approfondimento delle tecniche di coreografia frequentando vari stage a Roma con Claude Coldy, Jim May ( direttore del Limon CompanyLindsay Kemp e molti altri. In particolare, lavora dal 2012 al 2013 come insegnante-animatrice di inglese presso l’asilo nido l’Arcobaleno di Bracciano e dal 2014 al 2015 per il progetto STAP musical per ragazzi al Teatro Brancaccio dove contribuisce alle coreografie di Westside Story, recitato interamente in Inglese. Attualmente frequenta i workshop dei “5 ritmi”, una pratica di meditazione danzata ideata da Gabrielle Roth, basata sul principio che se si mette la psiche in movimento essa cura e guarisce se stessa.
È convinta che l’apprendimento dell’inglese attraverso il movimento del corpo aiuti gli studenti ad assorbire  la lingua a livelli di coscienza più profondi, quindi più efficaci e duraturi nel tempo.
Entrando a far parte dell’ “Associazione Piccabulla” trova l’occasione di sposare il suo amore per l’espressione attraverso il movimento e la danza con la sua esperienza nell’insegnamento dell’ingl

ese.

Elisabetta Frasca, Alias teacher Betty – (insegnante lingua inglese e supervisor  formazione interna docenti Piccabulla)

Nasce a Roma ma la passione per le lingue la spinge ad iscriversi ad un istituto turistico dove studia inglese, francese e tedesco e poi a viaggiare all’estero e non solo per turismo.  Fin dagli anni delle superiori, infatti, trascorre vari periodi in Inghilterra n particolare a Londra per perfezionare la lingua. Ci tornerà poi varie volte durante il periodo degli studi universitari come studentessa Erasmus e per accompagnare ragazzi nei soggiorni-studio nel sud dell’Inghilterra. All’università, dopo il primo anno di studi alla facoltà di  Lingue, sceglie di passare nel campo dell’Antropologia culturale. Alla fine degli anni novanta, in seguito alla vincita di una borsa di studio per lo svolgimento di una tesi di laurea negli Stati Uniti d’America, svolge una ricerca sul campo, avente per oggetto le forme d’arte dei nativi d’America. In Italia, nel corso degli anni, ha collaborato con varie associazioni culturali per l’insegnamento dell’inglese ad alunni delle scuole elementari e secondarie superiori; le sono state commissionate varie traduzioni dall’italiano all’inglese (pannelli museali, cataloghi, saggi, ecc.); prosegue contemporaneamente la collaborazione con gli artisti incontrati negli Stati Uniti lavorando con loro in occasione della Biennale di Venezia per quasi venti anni (dal 1998 al 2017). Da anni tiene seminari e corsi presso alcune università americane in Toscana sul connubio tra arte e antropologia. Nel 2003, torna negli Stati Uniti grazie ad un’altra borsa di studio in American Studies allo Smith College di Northampton, Massachussets. In seguito lavora ad una mostra allestita a Washington e New York. Una volta rientrata in Italia partecipa a diversi seminari e incontri dell’Unione Europea sull’integrazione e l’apprendimento di tecniche di educazione non formale e dal 2005 al 2009  lavora in alcune scuole come mediatrice culturale per progetti d’inclusione rivolti ai ragazzi delle scuole medie inferiori. Nel 2012, perfeziona i suoi studi in ambito antropologico all’Università di Perugia. Dal 2014 collabora all’organizzazione di campi estivi in montagna per ragazzi occupandosi anche in questo caso dell’insegnamento dell’inglese. Negli ultimi anni ha ripreso la sua antica passione per il teatro e per l’improvvisazione teatrale che nel 2013 riesce a coniugare con l’attività di insegnamento iniziando a collaborare con l’Associazione Piccabulla. All’inizio la collaborazione era prevalentemente circoscritta al settore delle feste animate e degli spettacoli per bimbi ma negli ultimi anni come insegnante d’inglese per adulti e bambini e trainer interna degli insegnanti Piccabulla. Come insegnante di III^ fascia è inserita nelle graduatorie di istituto delle scuole secondarie superiori statali e parallelamente alle altre attività svolge quindi anche l’attività di supplenza.

Christina Sassayannis, alias teacher Chris

Di formazione antropologa, nasce in Svizzera e cresce con madre svizzera e padre greco a Roma. Mamma di tre figli vive all’estero negli ultimi 8 anni e vive a Roma dal 2013.

Si é formata nel corso degli anni in interculturalità e ha realizzato diversi lavori etnografici e un documentario in Sudan. In Cina nel 2011 realizza il primo evento di Through Waters (www.throughwaters.org) che diventa l’anno successivo un’associazione culturale che ha come obiettivo l’educazione alla differenza e la valorizzazione dell’acqua. Attraverso i laboratori nelle scuole internazionali sul tema del rapporto uomo-ambiente ha realizzato il programma educativo con l’intervento di esperti multidisciplinari e artistici focalizzandosi nella valorizzazione dell’acqua in tutte le sue forme. Oggi il programma si sviluppa in Italia dopo essere stato implementato in Cina (Pechino, Quindao, Tianjin, Chongqing), in Cambogia (Phnom Pehn, Siem Rep), in Spagna (Barcellona), Bosnia-Herzegovina (Sarajevo). Dopo questi lunghi giri per il mondo in un contesto internazionale è ”approdata” a Roma e nel 2013 ha iniziato a lavorare parallelamente anche nelle scuole elementari e medie. Nel frattempo, per consolidare anche a livello teorico la preparazione linguistica finalizzata all’insegnamento ha conseguito il diploma della British School per l’insegnamento specifico della lingua inglese come seconda lingua.

Abbraccia ogni giorno l’entusiasmo dei bambini nel sentirsi attori, relazionandosi con gli altri e con una lingua nuova. La conoscenza di una lingua attraverso il gioco-teatro é per lei il risultato di un processo spontaneo guidato secondo dei moduli di apprendimento che si sviluppano attraverso  la curiosità di avvicinarsi al diverso e all”’inconsueto” senza paura ma con il sorriso e la vitalità di voler imparare nella dimensione di una lingua nuova che diventa parte di sé.

© 2017 Piccabulla All rights reserved.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

INFORMATIVA SULLA PRIVACY Privacy policy del sito web dell’associazione culturale Piccabulla *********** In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito Web di Piccabulla, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 (nel seguito indicato come Codice sulla privacy) a coloro che interagiscono con il sito ed i servizi web di Piccabulla, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo https://www.piccabulla.it, corrispondente alla pagina iniziale del sito dell’associazione. L'informativa è resa solo per il sito web di Piccabulla e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link. L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le Autorità Europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento. Il "Titolare" del trattamento A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è la Associazione Culturale Piccabulla, nella persona del suo presidente Sabrina Pompa (ovvero Sabrina Lilli, cognome materno, adottato in tutte le pagine del sito) e legale rapp.nte p.t., dom.to presso la sua sede legale in Roma (RM) in v.dei Savorelli, 75 . Nelle varie sezioni del sito web, qualora vengano effettuati trattamenti di dati, sono sempre relativi al Responsabile del trattamento. Luogo di trattamento dei dati I trattamenti di dati connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede legale e sono curati solo dai soci incaricati del trattamento, "responsabile/i" designato/i del trattamento dal presidente ovvero Stefano Bertoldi (stefano@piccabulla.it) Nessun dato personale derivante dal servizio web viene diffuso. I dati personali forniti dagli utenti sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario. Tipi di dati trattati a) Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software utilizzate per il funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso della rete Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti navigatori. In questa categoria di dati rientrano gli "indirizzi IP" o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server web, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server web (buon fine, errore, ecc…) ed altri parametri relativi al sistema operativo ed all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento del sito web di Piccabulla. Si evidenzia che i predetti dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito web di Piccabulla o delle strutture (hardware) del responsabile o ad altri siti ad esso connessi o collegati: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più del tempo necessario e pe i soli scopi istituzionali dell’associazione. b) Dati forniti volontariamente dall'utente La richiesta di invio di posta elettronica agli indirizzi indicati nell'apposita sezione del sito web di Piccabulla, comporta la successiva acquisizione di alcuni dati personali del richiedente, compreso l'indirizzo e-mail del richiedente, necessario per rispondere alle richieste. Specifiche informative, anche sintetiche, verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per queste particolari richieste. c) Cookies Un cookie è un piccolo "file dati" che alcuni siti web, mentre vengono visitati, possono inviare all'indirizzo dell'utente che li sta navigando al fine di tracciare il suo percorso all'interno del sito e raccogliere dati in forma esclusivamente anonima per migliorare l'offerta e la fruibilità del sito stesso. Il sito web dell'Associazione Culturale Piccabulla RFC fa uso di Cookies cosiddetti "tecnici"; questi ultimi servono esclusivamente ad effettuare la navigazione o a fornire eventuali servizi richiesti dall'utente. Non sono utilizzati per scopi ulteriori. Inoltre sono utilizzati "cookies analytics", che il Garante Privacy ha assimilato a cookies tecnici per ottimizzazione del sito. In questo caso, potranno essere raccolte informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. Pertanto, per i cookies analytics valgono le stesse regole, in forma di informativa e consenso, previste per i cookies tecnici. Facoltatività del conferimento dei dati personali A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l'utente è libero di fornire i dati personali riportati negli appositi moduli elettronici di richiesta, nelle sezioni del sito web predisposte per particolari informazioni e/o servizi a richiesta. Si evidenzia peraltro che il loro mancato conferimento può comportare talvolta l'impossibilità di ottenere quanto richiesto. Modalità del trattamento e misure di sicurezza I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati e non, per il solo tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Diritti degli interessati I soggetti cui si riferiscono i dati personali, eventualmente raccolti nelle predette sezioni specifiche, hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione ai sensi dell'art. 7 del Codice sulla privacy (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti). L'interessato ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le eventuali richieste vanno rivolte a: Associazione culturale Piccabulla L’associazione culturale Piccabulla non utilizza consapevolmente il proprio sito web per richiedere e/o trattare dati a minori di 18 anni. Considerando che lo stato di perfezionamento dei meccanismi automatici di controllo non li rende attualmente esenti da errori e/o disfunzioni, si precisa che il presente documento, costituisce la "Privacy Policy" del sito web di Piccabulla e sarà soggetta ad aggiornamenti. INFORMATIVA ex art. 13 del Codice Privacy che deve essere fornita alla utenza - attraverso il sito internet - come stabilito dal Provvedimento dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL D. LGS. 196/2003 1) Finalità e Modalità del trattamento cui sono destinati i dati 2) Dati sensibili 3) Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili e/o incaricati 4) Diritti dell'interessato 5) Titolare e Responsabile 1) Finalità e modalità del trattamento cui sono destinati i dati L’associazione culturale Piccabulla (d’ora innanzi sinteticamente “Associazione”) informa che i dati personali in suo possesso, raccolti direttamente presso l'interessato, ovvero presso terzi, potranno essere trattati, anche da soggetti terzi (situati anche all'estero) per: a. L'adempimento agli obblighi previsti da leggi, da regolamenti e dalla normativa comunitaria, ovvero a disposizioni impartite da Autorità a ciò legittimate dalla legge e da Organi di vigilanza e controllo. Il conferimento dei dati personali necessari a tali finalità è obbligatorio ed il relativo trattamento non richiede il consenso degli interessati. b. Finalità strettamente connesse e strumentali alla gestione dei rapporti con gli associati, gli associandi e/o con la clientela (ad esempio acquisizione di informazioni preliminari alla conclusione di un contratto, esecuzione di operazioni sulla base degli obblighi derivanti dal contratto concluso con la clientela). Il conferimento dei dati personali necessari a tali finalità non è obbligatorio, ma il rifiuto di fornirli può comportare - in relazione al rapporto tra il dato ed il servizio richiesto – l'impossibilità della Associazione a prestare il servizio stesso. Il relativo trattamento non richiede il consenso dell'interessato. c. Finalità funzionali all'attività della Associazione, quali la rilevazione del grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi resi e sull'attività svolta dalla stessa eseguita mediante interviste personali on line o telefoniche, questionari, etc.; la promozione, la diffusione e/o la vendita di prodotti e servizi della Associazione o di soggetti terzi collegati con le attività istituzionali, effettuate attraverso lettere, telefono fisso e/o cellulare, materiale pubblicitario, sistemi automatizzati di comunicazione, posta elettronica, messaggi del tipo MMS (Multimedia Messaging Service) e SMS (Short Message Service), etc.; l'elaborazione di studi e ricerche di mercato, effettuate mediante interviste personali o telefoniche, questionari, etc., e lo svolgimento di attività di pubbliche relazioni. Il conferimento dei dati necessari a tali finalità non è obbligatorio ed il loro trattamento richiede il consenso dell'interessato. Il trattamento avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici con logiche strettamente correlate alle finalità suddette e, comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. 2) Dati sensibili La Associazione tratta dati sensibili dei propri associati e/o clienti solo per dare seguito a specifici servizi ed operazioni richiesti dagli stessi (ad esempio il pagamento di quote associative). In tali casi, la Associazione potrà dare corso a tali operazioni solo se avrà ottenuto il consenso scritto del soggetto interessato richiedente. 3) Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili e/o incaricati La Associazione – senza che sia necessario il consenso dell'interessato – può comunicare i dati personali in suo possesso a quei soggetti cui tale comunicazione debba essere effettuata in adempimento di un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria. La Associazione, inoltre, può comunicare, con il consenso dell'interessato, dati relativi ai propri associati e/o clienti a società, enti o consorzi esterni, anche esteri, che svolgano, anche per suo conto, attività e trattamenti analoghi a quelli istituzionali della medesima associazione; Possono venire a conoscenza dei dati in qualità di incaricati, relativamente ai dati necessari allo svolgimento delle mansioni assegnate, le persone fisiche appartenenti alle seguenti categorie: associati, collaboratori, lavoratori dipendenti della Associazione o presso di essa distaccati, lavoratori interinali, stagisti e consulenti. 4) Diritti dell'interessato Il Codice Privacy attribuisce all'interessato specifici diritti, tra i quali quello di conoscere quali sono i dati che lo riguardano in possesso della Associazione e come vengono utilizzati, di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione del Codice Privacy, nonché l'aggiornamento, la rettificazione o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati e di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento stesso. L'interessato, infine, può in qualsiasi momento opporsi ai trattamenti finalizzati all'invio di materiale commerciale e pubblicitario, alla vendita diretta o a ricerche di mercato. 5) Titolare e Responsabile Il "titolare" del trattamento è la Associazione Culturale Piccabulla, che ha Sede Legale in via dei Savorelli 75 - 00165 Roma e sede operativa in in via dei Savorelli 114 - 00165 Roma, mentre il Responsabile al quale l'interessato può rivolgersi per l'esercizio dei diritti di cui sopra è il Presidente presso la sede legale. La Associazione Piccabulla ricorda che l'Interessato conserva i diritti previsti dall'art. 7 del Codice Privacy.

Accetta e Chiudi