Il progetto si propone di arricchire di contenuti e di metodologie pedagogiche, nell’ambito specifico dell’educazione nella fascia di età 3-6 (scuola dell’infanzia), le attività svolte sul campo da educatori e famiglie riguardanti i temi, elencati qui di seguito ma che si possono riassumere nel concetto di ”cittadinanza globale”: tutti quei diritti che ruotano intorno al bambino e che potendo essere considerati universali, se pienamente attuati, possono formare il futuro ”cittadino globale” consapevole dei propri diritti anche in quanto bambino/a e non solo come futura persona adulta. I temi e le parole-chiave che saranno oggetto di sperimentazione didattico-metodologica per l’elaborazione di strumenti e supporti per gli educatori e le famiglie sono:

  • parità di genere e lotta agli stereotipi sulle differenze di genere socialmente costruite
  • pari opportunità: uomo-donna ma anche in senso sociale come consapevolezza dell’importanza della lotta alle disuguaglianze sociali;
  • lotta alle discriminazioni riguardo la ”diversità” in senso lato (educazione inclusiva)
  • tutela dei diritti dell’infanzia così come stabilito dalla convenzione dell’ONU del 20 novembre 1989 che a sua volte prende le mosse dalla convenzione di Ginevra del 1924, dalla Carta della nazioni unite del 1945, dalla Dichiarazione universale dei diritti del fanciullo del 1948 e per finire all’atto principale di 30 anni prima, la Dichiarazione dei diritti del fanciullo del 1959.

Il progetto si propone di agire in almeno 4 direzioni ovvero:

1) Di tipo formativo rivolta ai professionisti del settore educatori, insegnanti fornendo loro anche degli strumenti didattici sotto forma di manuali, supporti multimediali, ecc.
2) Di sensibilizzare e coinvolgere le famiglie intorno ai temi in questione e alle attività del progetto.
3) Di rendere il bambino stesso protagonista attivo nell’ambito delle varie attività previste.
4) Sul territorio e la comunità in cui insiste la/le scuola/e dell’infanzia coinvolte nel progetto.

Le aree di intervento sono quindi:

  • formazione pedagogica di insegnanti e bambini, intesi come soggetti attivi e produttori essi stessi di contenuti e non come semplici fruitori dei contenuti stessi;
  • la formazione/sensibilizzazione all’interno delle famiglie sui diritti dell’infanzia sui temi della ”differenza”/”diversità”
  • formazione professionale di insegnanti e personale di assistenza
    la comunità scolastica e il suo territorio

I temi nello specifico sono:

  • Cittadinanza globale rispondendo alla domanda: cosa si intende?
  • Uguaglianza di opportunità per tutti i bimbi
  • Cittadinanza e partecipazione: chi sono io? Articolato in attività volte a sviluppare le capacità relazionali, capacità espressive e di comunicazione, conoscenza del mondo
  • Identità e parità di genere: caratteristiche biologiche e stereotipi di genere e disparità di genere
  • Discriminazioni riguardo la/le diversità
  • Partecipazione sociale e nella famiglia